Alle origini dei partiti

Alle origini dei partiti

La Federazione Socialista Toscana (1893-1900)

Maggiori dettagli

  • Anno: 1997
  • Autore: Donatella Cherubini
  • Formato: 14x22
  • Pagine: 434


€ 15,00

    Dettagli

Gli anni compresi tra il 1892 e il 1900 videro la prima sperimentazione organizzativa del Partito socialista italiano, che si presentò come formazione politica a carattere nazionale. Non mancarono tuttavia i tentativi per favorire una maggiore articolazione territoriale della sua struttura politica, spesso dovuti alla volontà. di garantire l'autonomia tattica, ma che talvolta contribuirono a rendere più costante e dinamico il rapporto tra la «periferia» e i «vertici» centrali. In questo ambito si collocarono quindi le Federazioni regionali, per alcuni anni riconosciute anche dallo Statuto del partito. In Toscana una tale esperienza si concretizzò in un organismo capace di dare continuità alle proprie scadenze congressuali e di esprimere una linea unitaria in quelle nazionali. Pur segnata da differenze e difficoltà interne, la Federazione socialista toscana seppe comunque dotarsi di un apparato organizzativo piuttosto ampio, mobilitando delegati e propagandisti in tutte le province. Con l'inizio del '900, la scelta tattica della nuova Direzione nazionale contribuì allo scioglimento delle Federazioni regionali, ormai sostituite da organismi ritenuti più validi per la propaganda elettorale. Ma sia in Toscana che nel resto d'Italia, fino al primo dopoguerra il Psi non ebbe un efficace coordinamento interno, in cui l'impegno ufficiale e costante sul piano periferico concorresse a rafforzare la struttura del partito nel suo complesso.

Autori

Lacaita Editore