La politica estera di una media potenza

La politica estera di una media potenza

Il caso italiano da De Gasperi a Craxi

Maggiori dettagli

  • Anno: 1992
  • Autore: James Edward Miller
  • Formato: 14x22
  • Pagine: 144


€ 10,00

    Dettagli

Questo libro di Miller ripercorre le tappe principali della politica estera italiana tra il 1945 ed il 1989. Scritto da un americano, esso è frutto di uno studioso un po' speciale nella sua propensione verso le questioni italiane, il quale si rivolge ai suoi connazionali - e in particolare ai diplomalici dello State Department - per spiegare loro la realtà con cui debbono confrontarsi quando si occupano del caso italiano: quando, cioè, dedicano a questo caso non uno «sguardo distratto» ma un'attenta considerazione. Il saggio è, dunque, una sorta di manuale, che Miller mette a disposizione dei non addetti ai lavori, al fine di far loro intendere le intricatezze della politica italiana e il senso della politica estera di questo paese. Egli guarda non solo alle radici e, anzi, forse meno alle radici della politica estera italiana nel dopoguerra che agli sviluppi più recenti, ricollegandosi solo in maniera mediata al rapporto bilaterale. 

Questo costituisce lo sfondo culturale e politico entro il quale l'analisi di Miller si colloca e come tale va letta, cioè come il tentativo, compiuto da un americano che conosce l'Italia, di far capire meglio ai propri connazionali le ragioni di fondo del tortuoso andamento e di certe apparenze della vita italiana. Come pochi altri, Miller è in grado di percepire anche nella realtà contemporanea il rapporto tra l'aspetto interno italiano e l'aspetto della politica internazionale, ma, come pochi altri, egli è in grado di mostrare al lettore italiano la maniera in cui uno studioso americano attento a questi temi li percepisca e li presenti ai suoi connazionali, facendosi mediatore di due modi profondamente diversi di vivere la vita internazionale di questi tempi.

Autori

Lacaita Editore