Lo sviluppo della teoria sociale negli Stati Uniti

Lo sviluppo della teoria sociale negli Stati Uniti
  • Anno: 1976
  • Autore: Gianni Giannotti
  • Formato: 14x22
  • Pagine: 248


€ 8,00

    Dettagli

In questo dopoguerra la sociologia ha registrato un grande sviluppo almeno accademico in tutti i Paesi industrializzati; ma fino a pochi anni fa dire sociologia equivaleva in larghissima misura a dire sociologia americana. 

Soprattutto nel corso degli anni '50 la sociologia americana ha letteralmente dominato il pensiero sociale occidentale e questa egemonia si imperniava sull'opera teorica di T. Parson e dei suoi allievi, la cosiddetta scuola struttural-funzionalista. Ancora all'inizio degli anni '60, si è persino tentato di accreditare una fondamentale contrapposizione fra Marx e Parsons che, pur essendo assolutamente fuorviante, aveva nondimeno significativa rilevanza sul piano ideologico più generale.

Nel corso degli anni '60 lo struttural-funzionalismo è divenuto oggetto di una contestazione sempre più serrata all'interno della stessa sociologia americana e si sono affermati nuovi indirizzi teorici e metodologici. Il trionfalismo della teoria sociale americana è entrato in crisi e la crisi si è propagata in tutto il mondo delle scienze sociali, accompagnando gli anni caldi del Maggio francese e del movimento sindacale e protraendosi oltre di essi. 

Il panorama odierno è assai travagliato e probabilmente questo è un periodo di transizione molto importante per la teoria sociale. In ogni caso, è ormai tempo, come ha scritto un noto sociologo italiano, di prendere le distanze dallo struttural-funzionalismo. Ma, come una volta insegnavano i filosofi, ogni «superamento» presuppone che si sia conosciuto e compreso geneticamente la forma o l'idea in questione. Il processo di avanzamento della conoscenza è un processo di assimilazione che rifondendo l'esperienza accumulata con quella nuova e contraddittoria fa scaturire dalla contraddizione stessa punti di vista ed elaborazioni teoriche non tanto genericamente «superiori», quanto più «economiche» le une e più specifici gli altri. 

Questo breve saggio intende prospettare una lettura indubbiamente motto selettiva, ma organica, dello sviluppo della teoria sociaIe negli Stati Uniti, per fornire uno strumento sufficiente di comprensione storico-critica sia delle ragioni a monte del trionfo del parsonsianesimo, sia dalle ragioni interne del sua crisi, sullo sfondo delle più ampie trasformazioni culturali e sociali.

Autori

Lacaita Editore