Lucio Lombardo Radice

Lucio Lombardo Radice

E la prospettiva laica della nonviolenza

Maggiori dettagli

  • Anno: 1991
  • Autore: Mario Proto
  • Formato: 11,5x18,5
  • Pagine: 160


€ 8,00

    Dettagli

Nella riflessione di Lucio Lombardo Radice sulla nonviolenza confluiscono le tre componenti maggiori della sua personalità intellettuale: politica, umanistica e scientifica. Avviata sin dagli ultimi anni del fascismo come antidoto razionale all'orgia bellicista dei regimi dittatoriali, la cultura della nonviolenza comincia a farsi strada nei contraddittori meandri politici della sinistra italiana, assorbendo quanto di meglio si veniva elaborando negli ambienti intellettuali del liberalsocialismo e dell'azionismo.

Con la spinta decisiva del pensiero laicamente religioso di Aldo Capitini quella cultura entra di diritto nel dibattito della sinistra, sia pure tra incertezze e difficoltà. A farsene interprete, tra i pochi e non sempre agevolmente seguito dai compagni di partito, Lucio Lombardo Radice, proprio in qualità di politico che guarda alla necessità della critica per la crescita di un partito che non si faccia irretire dalla sclerosi di una gerarchia di comando. A ciò si aggiunga l'umanista, che privilegia il dialogo e il confronto come base per costruire una diversa civiltà umana, e lo scienziato, che aveva fatto della ricerca scientifica il puntello per rinnovare integralmente le possibilità di riscatto dell'uomo associato. È per questo che la prospettiva della nonviolenza rimane l'orizzonte forte di questo scorcio di secolo, tra muri che crollano e una democrazia reale tutto sommato da reinventare, per dirla con una espressione che sarebbe piaciuta a Lucio Lombardo Radice.

Autori

Lacaita Editore