Federico II di Prussia

Federico II di Prussia

Antimachiavelli

Alle origini del modello prussiano in Europa

Maggiori dettagli

  • A cura di: Mario Proto
  • Anno: 2004
  • Formato: 14x22
  • ISBN: 9788888546513
  • Pagine: 248


€ 15,00

Disponibilità: Questo prodotto non è più disponibile

    Dettagli

Federico II di Prussia scrive un saggio sul Principe di Niccolò Machiavelli negli anni di più intensa attività epistolare e scambio di idee con il filosofo francese Voltaire. Siamo negli anni 1739-1740, alla vigilia dell'ascesa al trono di Federico il Grande, sovrano di primaria importanza nella prefigurazione della futura potenza dello stato prussiano. Il testo non soddisfa del tutto il giovane autore, consapevole delle difficoltà nell'accingersi alla trattazione di un tema così vasto. A trarlo dall'imbarazzo e dall'incertezza sarà Voltaire, da qualche anno suo interlocutore premuroso e intelligente. La stampa del testo federiciano seguirà varie traversie, a partire dal 1740, dal momento che l'autore sarà nell'impossibilità di seguirne le vicissitudini editoriali, a causa della successione sul trono di Prussia alla morte del padre Federico Guglielmo I (1740). Voltaire si fa promotore di una revisione del saggio, con l'obiettivo di ammorbidire i toni di una eccessiva polemica, anche se era comune ad entrambi la posizione, critica nei confronti delle chiese e delle religioni. Federico II è stato, oltre che sovrano politico e militare, anche lettore assiduo di letteratura filosofica, politica e militare. La sua formazione era di stampo illuministico, francese in particolare, ma anche europeo. Egli riteneva basilari le conoscenze di tipo economico giuridico e politico filosofico, per potere associare al saggio governo dello Stato una visione organica degli aspetti amministrativi ed istituzionali.

Autori

Lacaita Editore