Nuovi alfabeti e scuola analfabeta

Nuovi alfabeti e scuola analfabeta

Tempi di cambiamento: Verso il 2000

Maggiori dettagli

  • Anno: 1994
  • Autore: Pio Baldelli
  • Formato: 14x22
  • Pagine: 184


€ 12,00

    Dettagli

L'origine di questo libro sta nell'esperienza che l'autore ha compiuto, prima nella scuola media superiore (parecchi anni fa) e poi nella scuola universitaria. Nei due casi si tratta di un'esperienza che potrebbe essere scoraggiante: scuole che non funzionano, ambienti inadatti, vecchiume didattico, la vita contemporanea tenuta alla larga. Per certi insegnamenti, inoltre, occorrerebbero attrezzature e apparecchiature: ma a troppi docenti e presidi sembrano pesanti intrusioni, anche inutili, nel normale andamento scolastico. Ci si arrangia, secondo un costume italiano. Non mancano poi insegnanti che, appena possono, tagliano la corda o si disamorano presto della scuola. 

L'autore, lavorando in minoranza, ha cercato di aprire qualche squarcio nell'orizzonte scolastico: oltre che a svolgere il suo corso (per quest'anno accademico: "Nuovi razzismi e civiltà extraeuropee"), ha invitato personaggi di vasta esperienza o figura singolari, capaci di avviare un dialogo con gli studenti. Si cita qualche esempio: Vito Zagarrio (per il giovane cinema toscano), Stefano Rodotà, Dacia Maraini, il comico Paolo Hendel, Danilo Dolci, il cardinale Silvano Piovanelli, Roberto Benigni e tanti altri che sarebbe prolisso enumerare. 

Tale esperienza ha consentito agli studenti di imparare, via via, le strade del dialogo anche con figure spesso distanti dai mondo della scuola. Non si trascurano gli elementi necessari all'apprendimento di base ma, al tempo stesso, si svecchiano metodi e nozioni, introducendo nelle aule aria aperta alle vicende del mondo contemporaneo.

Autori

Lacaita Editore