Eugenio Colorni

Eugenio Colorni

E la cultura italiana fra le due guerre

Maggiori dettagli

  • A cura di: Geri Cerchiai, Giovanni Rota
  • Anno: 2011
  • Formato: 14x22
  • ISBN: 9788865820049
  • Pagine: 304


€ 20,00

    Dettagli

La complessa figura di Eugenio Colorni (1909-1944) è variamente tornata, nel corso degli anni, al centro dell'attenzione degli studiosi, che attraverso saggi biografici, articoli e raccolte antologiche ne hanno indagato l'itinerario politico antifascista e la riflessione europeista. Costretto dal regime al confino, Colorni fu tra gli estensori, insieme con Altiero Spinelli ed Ernesto Rossi, del cosiddetto "Manifesto di Ventotene", documento fondamentale nel percorso verso l'integrazione europea. Poche sono state, invece, le trattazioni che hanno cercato di entrare nel merito del suo pensiero filosofico, inquadrandone le fonti, il contesto storico e l'elaborazione teorica.
Il convegno organizzato a Milano il 15-16 ottobre 2009 nella ricorrenza del centenario della nascita e del quale si raccolgono qui gli atti, ha perciò inteso indirizzare l'attenzione degli studiosi sui risvolti storiografici e teorici della filosofia di Colorni e sull'approfondimento dei rapporti con la cultura dei tempi suoi. Proveniente da una famiglia dell'ebraismo italiano "assimilato", allievo di Piero Martinetti e Giuseppe Antonio Borgese all'Università di Milano, Colorni fu ammiratore critico di Benedetto Croce e studioso fra i più originali di Leibniz. Filosofo "di professione", nel corso degli anni egli maturò tuttavia un atteggiamento di profonda avversione nei confronti del pensiero inteso quale univoca interpretazione del mondo, avversione che lo indusse ad aprirsi con inedita sensibilità ai problemi della critica metodologica e della scienza fisica e matematica. Dotato di una non comune curiosità intellettuale, egli fu inoltre fra i primi studiosi ad occuparsi, in Italia, di psicoanalisi. Il versante più originale della epistemologia colorniana rimase però allo stato di semplice abbozzo: nel 1944, appena trentacinquenne, Colorni venne infatti assassinato a Roma, dov'era entrato in clandestinità, dagli sgherri della Banda Koch.

 

INDICE

Geri Cerchiai, Giovanni Rota - Introduzione

Gennaro Sasso - Eugenio Colorni 

Emilio Gentile - «Tastare il polso alla propria epoca». La crisi della civiltà nell’epoca dei totalitarismi

Sandro Gerbi - Ebreo suo malgrado

Tullia Catalan - Eugenio Colorni e l’ambiente ebraico triestino negli anni Trenta

Alberto Cavaglion - «Il mio poeta». Eugenio Colorni, Umberto Saba e la psicoanalisi 

Mario Quaranta - La “scoperta” di Eugenio Colorni nelle riviste del secondo dopoguerra. Gli scritti sulla relatività

Stefano Miccolis - Eugenio Colorni e Benedetto Croce (in appendice: Lettere di Eugenio Colorni a Benedetto Croce)

Geri Cerchiai - Eugenio Colorni lettore di Leibniz

Luca Guzzardi - Lo specchio della natura. Colorni e la cultura scientifica del suo tempo

Marco Cuzzi - Eugenio Colorni e il sionismo

Carlo G. Lacaita - Colorni, l’antifascismo democratico e la tradizione cattaneana tra le due guerre

Amedeo Vigorelli - Antifascismo tra i giovani: il caso di «Pietre» 

Alceo Riosa - Giuseppe Antonio Borgese ed Eugenio Colorni tra letteratura e politica

Appendice: Il testamento di Eugenio Colorni

Indice dei nomi

Autori

Lacaita Editore