Tecnica e spazio pubblico

Tecnica e spazio pubblico

In Italia tra Ottocento e Novecento

Maggiori dettagli

  • A cura di: Andrea Ragusa
  • Anno: 2010
  • Formato: 14x22
  • ISBN: 9788889506950
  • Pagine: 260


€ 18,00

    Dettagli

Le basi materiali della modernità italiana, nel più ampio contesto internazionale, furono segnate da elementi di specificità non privi di contraddizioni. In ritardo rispetto ai paesi che per primi avevano vissuto il decollo industriale, l'Italia fu investita però tra Ottocento e Novecento da un processo di profondo cambiamento che gettò le basi di un assetto capitalistico ancora perimetrato ma già tale da evidenziare punte di sviluppo avanzato. Su di esso, si innestò, riflettendolo, una fase di mutamento e progresso sul piano della cultura tecnico-scientifica che molto contribuì al consolidamento di questa crescita spontanea: attraverso il contributo di singole personalità, di geniali inventori, di coraggiosi e "prometeici" sperimentatori, ma anche attraverso un più complessivo ripensamento delle strutture formative ed educative del paese. I saggi che si presentano in questo volume, e che accostano a contributi di autorevoli studiosi delle discipline storico-economiche ed ingegneristiche, ricerche innovative di giovani storici di nuova generazione, offrono una proposta originale ed un punto di vista interdisciplinare di ripensamento di una delle fasi più controverse ma anche più fertili della difficile storia della modernizzazione del nostro paese.

 

INDICE

 

Nota introduttiva di Andrea Ragusa

 

Maurizio Degl’innocenti - Tecnica, spazio pubblico, identità nazionale nella costruzione del Regno d’Italia 

 

PARTE PRIMA - LE BASI MATERIALI DELLA MODERNITÀ

 

Renato Giannetti - Elettricità e industrializzazione (1883-1940)

Eleonora Belloni - “La lotta del carbone nero contro le forze idrauliche”. Industriali ed economisti di fronte allo sviluppo dell’industria elettrica (1884-1924)

Bruno Bonomo - Elettricità e ambiente urbano tra Otto e Novecento 

Stefano Morosini - L’elettricità e la montagna

 

PARTE SECONDA - LA CULTURA SCIENTIFICA ITALIANA TRA OTTOCENTO E NOVECENTO

 

Cosimo Ceccuti - La Firenze di Antonio Meucci 

Andrea Ragusa - Meucci e Garibaldi 

Carlo G. Lacaita - Il Risorgimento e la riforma degli studi scientifici 

Andrea Silvestri - Lo sviluppo dell’elettrotecnica italiana da Antonio Pacinotti a Galileo Ferraris e oltre

Stefano Maggi - Il primo apparecchio elettrico. Invenzione e diffusione del telegrafo 

Pietro Sirena - L’elettricità come bene giuridico. Il dibattito civilistico tra Ottocento e Novecento

Gianni Silei - Le vertigini del progresso. Telefonia, tecnologia, elettromagnetismo e immaginario tra Otto e primo Novecento

Saverio Battente - Il fenomeno elettrico: arte, cultura e modernizzazione tra Otto e Novecento

Autori

Lacaita Editore