Garibaldi e l’Ottocento

Garibaldi e l’Ottocento

Nazione, popolo, volontariato, associazione

Maggiori dettagli

  • Anno: 2008
  • Autore: Maurizio Degl'Innocenti
  • Formato: 14x22
  • ISBN: 9788889506646
  • Pagine: 268


€ 15,00

Disponibilità: Questo prodotto non è più disponibile

    Dettagli

Giuseppe Garibaldi (Nizza 1807-Caprera 1882) è il protagonista e il simbolo identitario intorno al quale la comunità italiana si realizza in Stato unitario e nazionale, e nel quale è sempre tornata a riconoscersi. E' anche l'Eroe dei Due Mondi, impersonifica cioè l'eroe popolare che mette la spada a servizio della libertà dei popoli laddove venga offesa: un mito che di gran lunga è stato il più popolare nel corso dell'800, ma perdura ancora nel '900, fino ai nostri giorni, nell'immaginario collettivo e non ultimo in una traduzione più colta e politicamente orientata. Il suo successo deriva dalla straordinaria vitalità individuale, ma anche da un'efficace elaborazione politica e culturale.
Debitore della cultura neoclassica e romantica del secolo, è tuttavia soprattutto il prodotto della modernità, è cioè reso possibile dalla crescente affermazione dei mass-media: la stampa, in particolare illustrata; i romanzi storici e d'avventura, e la memorialistica che appaiono in appendice sui giornali; la litografia e la fotografia. Il fatto sostanziale resta comunque che il mito garibaldino intercetta e rappresenta quattro momenti caratterizzanti l'Ottocento: la nazione, il popolo, il volontariato e l'associazione.

INDICE

Premessa 

Garibaldi e il volontariato

1. Garibaldinismo/volontarismo: un fenomeno folcrorico e provinciale, o moderno e europeo?

2. Garibaldi inventato 

3. L’eroe 

4. La nazione volontaria

e il conflitto tra legittimità e illegittimità 

5. La “macchia rossa”

6. La “bella gioventù” e la “morte feconda” 

Garibaldi, l’internazionale e la questione sociale 

1. Tra Saint-Simon e Mazzini

2. L’Internazionale, da Londra (1864) a Ginevra (1867) 

3. La società operaia, la Comune e il patto nazionale 

4. I soldati di Garibaldi e il “sole dell’avvenire” 

5. La “Plebe” e la “Rivista internazionale del socialismo” 

6. L’ultimo dei grandi italiani. Il precursore 

7. Qualche ulteriore considerazione sulle virtù del “popolo” e su Garibaldi eroe popolare. Qualche considerazione 

Augusto Majani e l’ambiente socialista

Autori

Lacaita Editore