Educazione e socialismo

Educazione e socialismo
  • Anno: 2005
  • Autore: Rodolfo Mondolfo
  • Formato: 14x22
  • ISBN: 9788888546636
  • Pagine: 304


€ 20,00

    Dettagli

Rodolfo Mondolfo (1877-1976) è stato professore di Storia della filosofia nelle Università di Torino e di Bologna; in seguito alle leggi razziali del 1938 si rifugio in Argentina, dove ebbe la cattedra per lo stesso insegnamento, prima a Cordoba, poi a Tucuman. 

I suoi numerosi studi, di carattere politico e filosofico, hanno approfondito in particolare il problema della libertà nel pensiero moderno, preludendo alla sua originale interpretazione del marxismo in senso umanistica. Egli, inoltre, ha dedicato molta attenzione ai problemi della scuola e dell'educazione, considerandone la centralità in una prospettiva di trasformazione sociale. Per questo, il presente volume intende proporre una scelta dei suoi scritti scolastico-educativi, apparsi su giornali e riviste, dai primi del '900 al 1923. Nel considerare quali fossero i problemi emergenti della scuola italiana, in una fase così cruciale, viene messo in luce il contributo del filosofo, in rapporto alle diverse posizioni in campo, coinvolte in un ampio dibattito su politica, cultura e scuola, che si snoda, in particolare, nei congressi della Federazione degli insegnanti. Egli partecipa, infatti, nel 1902, alla nascita di questa organizzazione, insieme ad altri intellettuali, come il fratello Ugo Guido e Salvemini, condividendo con loro anche l'impegno politico nell'ambito del socialismo riformista. 

Le sue indagini sui grandi nodi concettuali di natura etico-politica si riflettono continuamente nelle riflessioni sui problemi pedagogici, evidenziando una visione prospettica per un'effettiva scuola democratica, che si pone oltre il concretismo salveminiano. Sul filo conduttore di "una scuola aperta a tutti e in tutti i suoi gradif’ si collegano gli interventi di Mondolfo sulla scuola media unica e sul suo asse formativo, sulla scuola laica e sulla libertà scolastica, implicando una visione del rapporto tra uomo e società, tra cittadino e Stato, tra massa ed élite, che finisce per rivelarsi decisamente alternativa a quella espressa da Gentile negli stessi anni.

Autori

Lacaita Editore