Welfare State e socialdemocrazia

Welfare State e socialdemocrazia

Cultura, programmi e realizzazioni in Europa occidentale dal 1945 ad oggi

Maggiori dettagli

  • Anno: 2000
  • Autore: Gianni Silei
  • Formato: 14x22
  • ISBN: 9788887280845
  • Pagine: 516


€ 15,00

Disponibilità: Questo prodotto non è più disponibile

    Dettagli

Il moderno Stato sociale nasce come risposta di tipo paternalistico alle contraddizioni del processo di industrializzazione a seguito dell'introduzione di una serie di schemi assicurativi sperimentati per la prima volta in Germania a partire dagli anni Ottanta dell'Ottocento. Le prime riforme sociali furono prerogativa di forze di ispirazione liberale, se non addirittura conservatrice. Solo più tardi, con la progressiva affermazione del concetto di Sicurezza sociale, anche la sinistra europea, in particolare la componente socialdemocratica, intravide nelle riforme sociali uno strumento prezioso per risolvere i problemi immediati e, in prospettiva, per realizzare un superamento del sistema capitalistico che non fosse mero appiattimento sulla concezione leninista dello Stato. Punto di approdo di questo percorso fu il welfare state, che finì ben presto per identificarsi con le politiche socialdemocratiche. 

Attingendo alla letteratura sul tema, soffermandosi in particolare sui programmi politici e sulla vasta documentazione prodotta dalle socialdemocrazie occidentali sulle tematiche sociali, questo volume si propone di seguire in chiave storico-comparativa il percorso ideologico e poIitico compiuto da alcuni tra i più importanti partiti del movimento socialdemocratico europeo (Regno Unito, Germania, Francia, Italia, Svezia, Danimarca e Norvegia) attorno allo Stato del benessere dal 1945 alla fine degli anni Novanta. Ne scaturisce un quadro che consente di valutare la capacità degli schieramenti che si riconoscono nei valori della socialdemocrazia nei confronti del welfare state. Ne emerge un profilo evolutivo dello Stato sociale contemporaneo alla luce degli elementi distintivi e dei tratti comuni della cultura socialista del secondo Novecento. Dall'intransigente richiamo di ideali utopistici alla "accettazione del compromesso", fino ai nuovi scenari delle società post-industriali e della globalizzazione.

Autori

Lacaita Editore