Alessandro Schiavi

Alessandro Schiavi

Carteggi (1892-1926)

Tomo I

Maggiori dettagli

  • A cura di: Carlo De Maria
  • Anno: 2003
  • Formato: 14x22
  • ISBN: 9788888546216
  • Pagine: 690


€ 25,00

Disponibilità: Questo prodotto non è più disponibile

    Dettagli

Attraverso un'ampia scelta documentaria, inedita, di quasi quattrocento documenti, questo primo tomo del Carteggio di Alessandro Schiavi affida agli studi una figura nuova del socialismo italiano, quella dei tecnici/politici, dalle ampie competenze, operanti nelle amministrazioni locali e negli enti pubblici fin dai primi del '900. L'epistolario consente di seguire la sua formazione universitaria, come allievo di Antonio Labriola all'Università di Roma, e il suo avvio alla politica nella redazione dell'"Avanti!" con Leonida Bissolati. Risalta come in breve tempo si costituisse intorno a Schiavi una rete di corrispondenti da diversi paesi europei e americani, attraverso la quale avveniva la sprovincializzazione del socialismo italiano. 

Schiavi intratteneva corrispondenze con Eleanor Marx, Kautsky, Liebknecht, Lagardelle, Webb, Luxemburg, nonché con alcuni dei giovani socialisti italiani presenti a Berlino, Vienna, Londra e Parigi. Nello stesso periodo, come traduttore di testi marxiani, egli corrispondeva con Benedetto Croce e Filippo Turati. Con quest'ultimo, in particolare, stringeva una quotidiana collaborazione, favorita dal trasferimento a Milano, come dirigente della Società Umanitaria e, più tardi, come direttore dell'Istituto per le case popolari. Estromesso dalle cariche pubbliche dal regime fascista, faceva ritorno con la famiglia a Forlì nel 1926, dove si dedicava alla traduzione presso Laterza di alcuni classici della socialdemocrazia europea, alla raccolta e al salvataggio delle carte Turati-Kuliscioff.

Autori

Lacaita Editore