Si devono riaprire le case chiuse?

Si devono riaprire le case chiuse?

I termini del problema e le proposte del Parlamento

Maggiori dettagli

  • Anno: 2002
  • Autore: Andrea Chiti-Batelli
  • Formato: 12x18
  • ISBN: 9788885460027
  • Pagine: 84


€ 10,00

    Dettagli

La tratta delle donne, la loro riduzione e schiavitù, il loro sfruttamento ad opera della criminalità organizzata vanno repressi con norme penali molto severe (il che è ancor più vero per analogo sfruttamento di minori). Ma l'essenziale non sta nell'accrescimento delle pene, o nell'induzione dei pentiti a collaborare riducendole, o nel rafforzamento e perfezionamento dell'azione della polizia. Tutto ciò va certo perseguito; ma solo l'eliminazione della prostituzione «peripatetica» (o almeno la riduzione di essa ai minimi termini), con proibizioni severe tanto per le donne quanto per i loro clienti - oltre, ovviamente, per gli sfruttatori potrà eliminare o almeno ridurre in proporzioni incomparabilmente più modeste delle attuali i fenomeni criminali che oggi si lamentano.
Per ottener ciò è indispensabile consentire, come in altri Paesi europei, l'istituzione di «Centri Eros» autogestiti dalle prostitute, e senza i limiti nel numero di queste in ciascuno di essi, sotto il controllo delle autorità locali e con norme sociali (assicurazione obbligatoria) e sanitarie (controlli obbligatori) appropriati. Analogamente dovrà esser consentita l'attività delle «squillo», dando ampia possibilità di pubblicità, in modo da consentirne un facile reperimento. Solo così questa prostituzione in luogo chiuso potrà svolgere concorrenza adeguata alla prostituzione pubblica, contribuendo in modo decisivo alla sua eliminazione. 
Resta ancora il problema della prostituzione «dipendente», a favore della quale si pronunziano i radicali: argomento certo controverso, ma su cui occorre riflettere. È fonte di minori danni, così per la società come per le persone coinvolte, legalizzar anche questa forma di prostituzione - consentendo, sia pur con le norme e i controlli più rigorosi, lo sfruttamento - o proibirla, accettando l'inevitabile clandestinità, con tutte le conseguenze negative che oggi si rimproverano alla prostituzione pubblica? L'autore, pur con qualche incertezza, propende per la prima soluzione.

Autori

Lacaita Editore