La questione meridionale prima dell'intervento straordinario

La questione meridionale prima dell'intervento straordinario
  • Anno: 1991
  • Autore: Antonio Lepore
  • Formato: 14x22
  • Pagine: 66


€ 10,00

Attenzione: Ultimi articoli in magazzino!

    Dettagli

«La questione meridionale, considerata nel suo svolgimento complessivo, si presenta con una caratteristica duplice e apparentemente contraddittoria: da un lato, la permanenza secolare dei dati dello squilibrio tra Nord e Sud e dall'altro, la continua trasformazione dei termini che costituiscono il «male» interno del mondo meridionale, o più in generale dei fattori che ne ostacolano lo sviluppo. (...)

L'esigenza di un continuo ripensamento storico è stata in larga misura soddisfatta, sia pure a volte in modo un po' ripetitivo; ma nello stesso tempo, malgrado la grande ricchezza di studi, rimangono alcune zone d'ombra che ostacolano la formulazione di un giudizio storico complessivo sulle condizioni in cui il Mezzogiorno si è «offerto» all'intervento straordinario degli anni Cinquanta, che è stato senza dubbio il più massiccio tentativo dello Stato di affrontare la questione meridionale. (...)

L'originalità di questo volume consiste soprattutto nel fatto che, pur in un disegno storico più ampio, l'interesse si concentra sulle conseguenze che la seconda guerra mondiale ebbe nel Mezzogiorno e nei rapporti tra Nord e Sud e sulla ricostruzione. (...) il libro (...) suggerisce interessanti linee di ricerca e di approfondimento dei presupposti di quella che sarebbe stata negli anni successivi la nuova politica meridionalistica. (...) Credo che Lepore abbia fatto bene a sottolineare queste premesse perché partendo da esse - e non soltanto dal consueto e generico richiamo all'arretratezza strutturale del Mezzogiorno - risulta più chiaro il significato (...) del tipo di attenzione che fu dedicata allora ai problemi del Mezzogiorno».

Dalla Prefazione di Rosario Villari 

Autori

Lacaita Editore